31.03.2016: Un D…ivano per D…ue (intervista a Yara e Francesca)

Ciao, innanzitutto grazie per averci ospitato sul vostro D..ivano ed avyara e francescaerci regalato una bellissima foto che ci ricorda che non siete solo pallavoliste :-);

Allora come ci si sente ad essere protagonista in un campionato così importante come la serie D?

Yara: Far parte del campionato di serie D è una bella sensazione dal momento che è stato, con il lavoro e l’unione di squadra, un campionato meritato e conquistato sul campo il che porta a essere più consapevoli delle proprie capacità.

Francesca: Mi sento molto orgogliosa di questo risultato, raggiunto non solo singolarmente, ma soprattutto come squadra.

Raccontateci un po’ di voi, chi è Yara?

Yara: sono una ragazza decisa e testarda nel voler raggiungere sempre il meglio negli obiettivi prefissati ma allo stesso tempo fragile e insicura delle prove che devo affrontare…una pazza insomma ahahah!!

Francesca: Yara è un’amica conosciuta tramite la pallavolo, con la quale condivido esperienze anche al di fuori della palestra. Siamo così simili che ci capiamo la maggior parte delle volte e riusciamo sempre ad aiutarci. Tra l’altro un sacco di persone ci dicono che sembriamo sorelle da quanto siamo simili: due pere, non due gocce d’acqua! Ahahahahahah

..e Francesca?

Yara: una compagna di squadra e una tra le mie più care amiche, anche lei testarda e insicura ed è per questo che a volte ci becchiamo ma allo stesso tempo ci capiamo

Francesca: Una ragazza un po’ solare e un po’ lunatica. Mi piace molto scherzare e sono sempre sorridente con le persone, infatti solo quelle che mi conoscono veramente capiscono se fingo o se sono sincera.

Pallavolo e…..?…..dicci I tuoi tre interessi principali…..

Yara: Oltre alla pallavolo studio, ascolto la musica e sogno i mille viaggi che farò quando sarò ricca sfondata ahahahaha (spero)

Francesca: Oltre alla pallavolo mi interessa innanzitutto instaurare delle belle relazioni con le persone che mi circondano. Lo studio, nonostante le ultime fatiche, lo ritengo importante e necessario per il mio futuro. E come terzo interesse principale abbiamo il…. Cibo!

Studi, lavori……insomma che fai di bello nella vita?

Yara: Ho iniziato da poco il primo anno di università con indirizzo economico e spero un giorno di realizzare i miei sogni. Vorrei, tra le altre cose, fare volontariato per aiutare i bambini in ospedale ma il tempo a disposizione non è dalla mia parte.

Francesca: Frequento l’università Bicocca e sono al secondo anno della facoltà di Economia e Amministrazione delle Imprese. Sono soddisfatta del percorso che sto tracciando non solo per i risultati ottenuti, ma anche per una crescita interiore.

Fidanzata?…..chissà mai che si possa dare qualche speranza ai tuoi fan… 🙂

Yara: Ahahahah possiamo passare alla domanda successiva?? Saluto il mio sempre fedele Casper, il fidanzato fantasma (la mia squadra capirà)

Francesca: Di fan non ne ho molti, in realtà ne ho solo uno ed è il mio fidanzato. Sono molto innamorata e lo è anche lui di me. Non potrebbe essere altrimenti!

Facciamo finta che per un sabato sera non hai la partita; aperitivo, Just Cavalli o………?

Yara: Se il sabato sera non avessi partite lo passerei davanti alla tv a piangere vedendo ‘C’è posta per te’ ahahahah no, uscirei con gli amici senza dare rilevanza al luogo … l’importante è stare insieme!

Francesca: A casa col pigiama! Ahahahah! Se proprio mi tirano di peso fuori casa opterei per una cena tranquilla e in buona compagnia.

Torniamo al volley: ti va di raccontarci come hai iniziato?

Yara: Io chiederei a Valentina di raccontare il primo giorno che mi ha visto entrare in palestra cosa ha pensato… diciamo che la palla era da una parte e io da quella opposta ahahah. Ma si sa il tempo può portare i suoi frutti, e anche i sacrifici dell’allenatrice ahhahaha (vero Vale?)

Francesca: Ho iniziato quando avevo circa dieci anni in Asystel e da allora alcune di quelle topine sono ancora fianco a fianco nella stessa squadra. Ho scelto la pallavolo perché negli altri sport come la danza o la ginnastica artistica ero proprio negata.

Non possiamo esimerci dal chiederti se hai un idolo, una figura sportiva ma anche non di riferimento, alla quale cerchi di arrivare sia nella pallavolo che nella vita.

Yara: Non ho idoli, né figure sportive da seguire ma persone della mia quotidianità che, con semplicità e impegno, sono i miei punti fissi a cui posso sempre chiedere aiuto nei momenti di difficoltà.

Francesca: Non ho particolari idoli, ma sia nella pallavolo che soprattutto nella vita, mi piacerebbe diventare più sicura e consapevole dei miei limiti e delle mie capacità.

Cosa ti piace di più della convivenza con le altre atlete della MTV Marina Militare?

Yara: Dopo vari anni insieme il bello di stare in questa squadra è riconoscere i pregi e i difetti di ognuna e sapere come comportarsi per raggiungere l’obiettivo in modo che tutti siano a proprio agio.

Francesca: Mi piace il fatto che ci conosciamo da anni ormai e che siamo tutte ragazze con la testa sulle spalle.

……e di meno 😉 ??

Yara: Della squadra odio Baglieri e lei sa perché ahahahah

scherzi a parte, una sola negatività è che a volte i malumori della vita quotidiana vengono riportati in campo, ma credo che questo sia un problema di tutti.

Francesca: Quando abbiamo tutte la luna storta e diventa difficile scherzare in serenità. Però non è colpa nostra, siamo donne! Ahahah

Alla tu età non dev’essere facile sostenere tutti I sacrifici che gli allenamenti e le partite ti impongono; cosa fai quando vuoi “scappare”??

Yara: Quando voglio ‘scappare’ cerco di svagarmi uscendo con gli amici o ascoltando musica.

Francesca: Quando sono in difficoltà purtroppo me la prendo con le persone che mi stanno più vicino perché so che con loro posso sfogarmi in quanto mi sanno sopportare e supportare.

Un libro, un film ed un artista musicale senza I quali non sopravvivresti?

Yara: Tra i miei libri preferiti c’è ‘Il fu Mattia Pascal’; una serie tv che adoro è ‘How I met your mother’; e,ultimo ma non ultimo, come artista musicale amo alla follia Jovanotti che mi carica un sacco.

Francesca: A dire il vero per i libri leggo un po’ di tutto. Per i film adoro i classici come TopGun, PearlHarbour, Titanic, Grease o Dirty Dancing; insomma avete capito, quel genere di film con una trama d’amore. Per la musica mi piacciono gli artisti italiani come Eros Ramazzotti, disprezzati però dalle mie compagne di squadra (e non solo da loro).

Cosa consiglieresti ad una ragazzina delle giovanili per riuscire ad arrivare nelle serie importanti??

Yara: Il mio consiglio alle ragazze più piccole è quello di lavorare duramente, imparare dai propri errori e porsi sempre nuovi obiettivi affrontando ogni situazione con umiltà, ricordandosi che non si è mai arrivati sia nella pallavolo che nella vita.

Francesca: Impegnarsi giorno dopo giorno, senza pretendere troppo da sé stessa. Umiltà e grinta, sempre.

L’ultima domanda la lasciamo a te; cosi ti piacerebbe che ti venisse chiesto?

Yara: Cosa ti aspetti dal futuro?……..voglio essere felice, raggiungendo i miei sogni e impegnandomi per portarli avanti sempre circondata dalle persone a cui voglio bene.

Francesca: Carriera o famiglia?……la seconda, in quanto penso che avere una bella famiglia unita sia una gioia immensa.

Grazie ancora ragazze, ci rivediamo presto sui campi di gara e……Su Le Mani Forza Milano!!!!!!!!

Print Friendly, PDF & Email